Lo Staff



Corsi


Video&Foto


Esperienze


Area Medica


Diving&Punti d'Immersione


Approfondimenti


Contatti



Ogni mese scopriremo un nuovo abitante del mondo sommerso, le piante, i molluschi, i pesci e i crostacei non saranno più degli sconosciuti!!!

questo mese: LA MURENA

DESCRIzione
È un serpentone dal corpo lungo e robusto. Le mascelle sono sottili ma potenti e si estendono oltre l'occhio, che è piccolo e circolare. I denti sono lunghi e acuminati. La pinna dorsale, molto bassa, si estende dal capo alla caudale alla ventrale, senza interruzioni. La pinna pettorale è assente. L'apertura branchiale è piccola e rotonda. La pelle e liscia e senza scaglie, ricoperta di muco. Il colore di fondo, solitamente bruno scuro, è screziato di macchie gialle o biancastre, dal disegno irregolare nella parte anteriore, ma più regolare e geometrico nella parte posteriore. Le branchie sono circondate da una macchia nera. La lunghezza massima può arrivare al metro e mezzo e il peso può arrivare, o anche superare, i quindici chilogrammi. Il suo sangue, come quello di tutti gli Anguilliformi, è velenoso, ma il veleno perde la sua forza con la cottura. Anche la saliva è velenosa e se l'esemplare è grosso può essere pericolosa, provocando serie infezioni. Il morso della Murena, in considerazione della forma dei denti, è comunque doloroso e causa ampie lacerazioni che si rimarginano lentamente.

COMPOrtamento
Sovente la Murena è solitaria, ma altrettanto di frequente è in compagnia di un folto gruppo di suoi simili. In casi del genere, la tribù si impossessa di uno scoglio, o di un agglomerato di scogli particolarmente indicati, ed i singoli membri si dividono ognuno per suo conto in uno speco ben preciso, poco lontano l'uno dall'altro. Di notte la Murena esce allo scoperto e si mette in caccia, ma di giorno, salvo eccezioni, se ne sta tranquillamente alla finestra della sua casa, spuntando solo con la testa, come il Grongo. Ma mentre il Grongo ha l'aria del bonaccione curioso, la Murena ha un aspetto sinistro e tremendamente feroce, che già dall'antichità le ha procurato un sacco di noie. Si è sempre detto che la Murena è sanguinaria e che assale l'uomo, tanto è vero che gli antichi romani la adoperavano per giustiziare sadicamente gli schiavi ribelli, mentre in realtà la Murena, come tutti gli altri pesci, ama la tranquillità e la pace.

RIPROduzione
La riproduzione avviene nei mesi invernali e le uova sono pelagiche. Si nutre di pesci e di cefalopodi, che assale con incredibile violenza, dimostrando la sua indole aggressiva.


HABItat
La Murena, che ha molti parenti nelle acque tropicali, vive nel Mediterraneo e nelle zone calde dell'Oceano Atlantico e solo occasionalmente arriva fino al Golfo di Biscaglia. Popola sia le scogliere superficiali, strisciando in pochi centimetri di fondo, sia i fondali rocciosi a grandi profondità. L'importante è che il luogo sia tormentato da massi, canaloni, spaccature, pinnacoli di pietra rosi dalle correnti. Ama la roccia nuda, come le praterie di posidonie, ma non disdegna nemmeno i deserti di fango ricoperti di detriti, purché essa possa trovare spechi o fenditure dove nascondersi. I relitti di navi affondate l'attirano in particolar modo, perché intorno alle costruzioni arrugginite trova cibo in abbondanza e oscuri cunicoli ove ripararsi. La sua passione sono comunque le distese di anfore antiche, che testimoniano lontani naufragi. Nei colli dei vasi semisepolti nella sabbia la Murena riconosce la tana ideale e vi si stabilisce per molto tempo. In mancanza di anfore, che non sono poi così frequenti, la Murena abita lunghi e stretti cunicoli che si addentrano nella scogliera. Spesso sono inestricabili dedali larghi soltanto qualche centimetro in più del possente corpaccione della Murena, veri labirinti irraggiungibili dal subacqueo, costretto a fermarsi sulla soglia.

FOTO grande

 


METEOSCUBA
Le previsioni per la tua immersione


Guarda il video
"LA MURENA...e le sue pulizie"


http://dailymotion.alice.it/video/x1f5ji_
murene_sport

 

ARCHIVIO
La Cernia
La Murena
Il Sarago
Il Polpo
Il Grongo
Il Nudibranco

L'Aragosta
La Medusa
La Gorgonia

Web Design Project Gr@phicnet - WebMaster Simona - Copyright 2008 A.S.D. Cavalluccio Marino

 

Torna alla Pagina Principale