Lo Staff



Corsi


Video&Foto


Esperienze


Area Medica


Diving&Punti d'Immersione


Approfondimenti


Contatti



Ogni mese scopriremo un nuovo abitante del mondo sommerso, le piante, i molluschi, i pesci e i crostacei non saranno più degli sconosciuti!!!

questo mese: L'ARAGOSTA

DESCRIzione
Ha il corpo molto robusto rivestito da una corazza cosparsa di spine e tubercoli, la crescita di questo animale avviene per mute successive, l’animale si libera della vecchia corazza creandone una nuova più grande. Il corpo è provvisto di tredici paia di appendici, cinque delle quali vengono usate per camminare (le zampe hanno linee longitudinali bianche), un paio è costituito da lunghe antenne di colore giallo e rosso che fungono da sensori, le altre per mangiare. Ha la coda a forma di ventaglio e non ha chele come gli altri crostacei. Ha gli occhi situati in cima a peduncoli mobili. La sua colorazione è rosso-brunastra o violaceo-brunastra. Durante la muta l’animale è più debole perché rimane privo della corazza di protezione, il suo aspetto non cambia ma il corpo è molle e facilmente attaccabile, si ritira così in una tana dove passa la giornata mangiando conchiglie di molluschi che le consentono di acquisire i sali minerali necessari per la nuova corazza. Raggiunge una lunghezza di circa 50 cm. ed il peso di 8 Kg.

COMPOrtamento
Predilige fondali ricchi di anfratti dove si colloca facendo sporgere le antenne. Ha abitudini gregarie formando spesso colonie con altri individui. L’aragosta è sostanzialmente un animale notturno, con l’arrivo del buio esce dalla propria tana per nutrirsi di molluschi e animali morti (pesci). Durante l’inverno, in genere, si sposta verso acqua più profonde fino a 200 metri.Si ciba di invertebrati e pesci morti.Nei mari tropicali dei Carabi è possibile assistere a vere e proprie migrazioni di questa specie, che si spostano in fila indiana, in branchi molto numerosi. I motivi di questa migrazione sono ancora sconosciuti.


RIPROduzione
L’aragosta è un animale a sessi separati. La riproduzione avviene a fine estate con produzione di uova che la femmina conserva nell’addome. In inverno nascono le larve, sono planctoniche e raggiungono il fondo, loro habitat definitivo, attraverso una crescita caratterizzata da diversi stadi durante la quale si nutrono di plancton.



HABItat
Vive nei fondali rocciosi o ghiaiosi ad una profondità che varia dai 20 m. ai 70 m., in anfratti e tane.Specie presente in tutto il Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico.



FOTO grande



 


METEOSCUBA
Le previsioni per la tua immersione


Guarda il video
"ARAGOSTA...in tana"


http://www.youtube.com/
watch?v=sG0q2KIOIUs

ARCHIVIO
La Cernia
La Murena
Il Sarago
Il Polpo
Il Grongo
Il Nudibranco

L'Aragosta
La Medusa
La Gorgonia

Web Design Project Gr@phicnet - WebMaster Simona - Copyright 2008 A.S.D. Cavalluccio Marino

 

Torna alla Pagina Principale